Un anno di Campionato Italiano UISP Touring 1/10 EP

Francesco Martini (Xray T3 2011), Diego Macchioni (Xray T3 2011) e Umberto Pernice (Xray T3 2011) si sono laureati campioni Italiani UISP rispettivamente nelle categorie Modificata, SuperSport e Stock. Dominio assoluto della categoria da parte della Xray T3 2011 a dispetto di un progetto che in troppi avevano battezzato come errato in partenza. Quest’anno ho avuto l’occasione di seguire tutte e tre le gare di Campionato Touring 1/10 EP 190mm organizzate dalla UISP rispettivamente sulle piste indoor di Scandiano (RE), ed outdoor di Roma e Casalecchio di Reno (BO). Purtroppo fatta eccezione per la prova indoor le due tappe esterne sono state entrambe “rovinate” dalla pioggia che ha reso quasi impossibili   le condizioni di gara sul tracciato romano e bolognese.
Categoria Modificata:

Da questo caos è emerso un solo pilota come costante in tutte e tre le gare. Si tratta di Francesco Martini (Xray T3 2011) che ha letteralmente dominato la prima tappa indoor di Scandiano per poi conquistare un secondo posto nella “laguna” dell’Axa di Roma e una vittoria molto convincente nella prova decisiva di Casalecchio di Reno ottenuta anch’essa sotto la pioggia battente. A Scandiano il solo Alessio Menicucci (Associated TC6) sembrava in grado di poter sperare di sopravanzare Martini salvo poi naufragare con il telaio spaccato durante la prima delle tre finali per aver centrato un modello di un doppiato finito di traverso in rettilineo. La seconda finale corsa con il modello di riserva non adeguatamente assettato (x mancanza materiale di tempo) gli aveva tolto ogni residua possibilità di attaccare l’imprendibile Martini che viaggiava sereno verso la vittoria ottenuta con oltre mezza pista di vantaggio su Simari  (TC6) e Donadelli (TC6). La seconda tappa dell’Axa (Roma) prometteva scintille e così è stato almeno fino all’inizio delle finali con il padrone di casa Menicucci in pole perentoria davanti alla new entry di casa Associated Alessandro Brunelli (TC6) ed al milanese Francesco Martini. Le finali bagnate hanno però riservato un finale davvero imprevedibile. La gara è stata accorciata riducendo a solo due round le finali. Nella prima manche in cui la pista era viscida e lenta la vittoria è andata a Martini con Brunelli secondo e Menicucci fermo con la ricevente sott’acqua. La seconda e decisiva finale è andata a Brunelli. La pista pur essendo allagata era molto più veloce per via delle gomme da bagnato che permettevano un’aderenza impensabile. Bellissima la battaglia tra Brunelli appunto e Martini con il primo che aveva la meglio anche grazie ad un rallentamento improvviso del modello di Martini (probabilmente acqua sui sensori). Menicucci si era già fermato dopo il primo giro per un altro problema elettronico. Vittoria quindi a Brunelli per via della miglior prestazione giri tempo rispetto a Martini vincitore della prima finale. Con la classifica che vedeva Martini primo con un primo ed un secondo posto si è andati alla ultima e decisiva gara di Casalecchio di Reno. L’unico pilota in grado di contendere il primo posto in campionato a Martini era quindi Brunelli. Proprio per questo a Casalecchio Menicucci, campione in carica della categoria,  s’è presentato solo in qualità di Team Manager/meccanico per aiutare il compagno di Team Associated a conquistare il titolo su Martini. Le qualificazioni hanno visto un superlativo Donadelli (TC6) mettere in riga Fagnocchi (Sakura), Brunelli e Martini. Finali con la pioggia (come da copione) con Martini che stravince dimostrandosi nettamente il più preparato su un Brunelli che ha tentato tutto il possibile giungendo comunque ad un onorato secondo posto di gara e finale. Onore quindi a Martini che conquista meritatamente il più travagliato dei campionati UISP finora corsi.
Podio finale della categoria:
1° FRANCESCO MARTINI – Xray T3 2011 – LRP SXX TC V2 – Batterie LRP Big Mama 5,9Ah 65C – Motore LRP X12 Octawind
2° ALESSANDRO BRUNELLI – Associated TC6 – LRP SXX TC V2 – Batterie Vampire 6,2Ah 60C – Motore Vampire
3° ANDREA SIMARI – 3G Racing Sakura Zero X1 – Speed Passion GT2.0 –  Batterie Speed Power – Motore Speed Passion V3
Classifica Casalecchio di Reno:
1° Martini Francesco Xray T3 2011
2° Brunelli Alessandro Associated TC6
3° Bettazzoni Stefano Tamiya TRF417
4° Simari Andrea Sakura Zero X1
5° Torreggiani LucaXray T3 2011
6° Minissale Davide Sakura Zero X1
7° Zapparoli Adalberto Schumacher Mi4CX
8° Donadelli Marco TQ Associated TC6
9° Fagnocchi Erik Sakura Zero X1
10° Macchioni Diego Xray T3 2011

Categoria SuperSport:

Vittoria perentoria in gara uno e due di Diego Macchioni (Xray T3 2011)che non  ha lasciato speranze ai contendenti di turno. A Scandiano sulla moquette ha dovuto solo difendersi dagli assalti di Redaelli suo compagno di squadra mentre a Roma ha dovuto tirare fuori tutto per avere la meglio di un Cola (TC6) velocissimo ma solo un pelo più falloso. Complimenti quindi a Diego Campione Italiano Sport con una gara di anticipo e un in bocca al lupo per il 2012 che correrà nella categoria Modificata. La terza gara di casalecchio ha visto il dominio di Alessio Mancini (TC6) che ha messo in fila tutti nelle qualificazioni per poi dover abdicare nelle finali per via di problemi elettronici dovuti alla pioggia. Vittoria di tappa a Merloni (Schumacher Mi4CX) su Bigi (Schumacher Mi4CX) e Catelani (TC6).
Classifica finale di categoria:
1° Macchioni Diego – Xray T3 2011 – LRP SXX TC V2 – Batterie LRP Big Mama 5,9Ah 65C – Motore Speed Passion V3.0 10.5
2° Alberto Amadesi – Xray T3 2010 – ??? – ??? – Motore Speed Passion V3.0 10.5
3° Lorenzo Bigi – Schuamcher Mi4CX – Speed Passion GT2.0 – Batterie Speed Power – Motore Speed Passion V3.0 10.5
Podio Casalecchio di Reno:
1° Alessandro Merloni Schumacher Mi4CX
2° Lorenzo Bigi Schumacher Mi4CX
3° Nico Catelani Associated TC6

Categoria Stock 13.5T:
La caratteristica peculiare di questa categoria stava nell’obbligatorietà di utilizzare il regolatore LRP SPX Zero in combo con il motre LRP/Nosram X12 13.5T Stock fornito a noleggio dall’organizzazione. Dopo aver provato personalmente in occasione dell’ultima tappa il binomio devo dire che ho trovato molto azzeccata la formula. Le prestazioni di tutti erano infatti livellate con la sola capacità di guida a fare la differenza. Dalle tre gare di questo campionato sono infatti emersi i migliori piloti con Umberto Pernice (Xray T3 2011) capace di vincere la prima e l’ultima tappa aggiudicandosi l’ennesimo titolo di campione Italiano da ormai over 40. Seconda piazza con l’onore delle armi ad Matteo Berlincioni (TC6) e terzo posto per Alessandro Rossi (Xray T3 2011).
Classifica finale di categoria:
1° Umberto Pernice – Xray T3 2011 – LRP SPX Zero – Batterie LRP Big Mama 5,9Ah 65C – Motore LRP X12 13.5
2° Matteo Berlincioni – Associated TC6 – LRP SPX Zero – Batterie Vampire 6,2Ah 60C – Motore  LRP X12 13.5
3° Alberto Montecchi – Schumacher Mi4 – LRP SPX Zero – ??? – Motore LRP X12 13.5
Podio Casalecchio di Reno:
1° Pernice Umberto Xray T3 2011
2°Montecchi Alberto Schuamcher Mi4
3°Aquilino Andrea Schumacher Mi4 CX

CLASSIFICHE COMPLETE QUI

Video  by Nomak in arte Matt Tais

Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.